Attualità
Triste ricorrenza

Acciaierie Venete, oggi venerdì 13 maggio 2022 il quarto anniversario della tragedia a Padova

Quattro lavoratori furono coinvolti, due furono gravemente feriti, e due, Marian Bratu e Sergiu Todita, persero la vita a causa delle gravissime ferite riportate.

Acciaierie Venete, oggi venerdì 13 maggio 2022 il quarto anniversario della tragedia a Padova
Attualità Padova, 13 Maggio 2022 ore 08:49

Oggi 13 maggio 2022 ricorre il quarto anniversario della tragedia alle Acciaierie Venete di Riviera Francia a Padova

Acciaierie Venete, oggi venerdì 13 maggio 2022 il quarto anniversario della tragedia a Padova

"Ogni anno questa data significa molte cose per noi, per le RSU e i lavoratori di Acciaierie Venete. Ci ricorda quanto la vita sia preziosa, quanto queste persone hanno lasciato dietro di loro e quanto ancora sia necessario impegnarsi per raggiungere una cultura della salute e della sicurezza del lavoro come bene primario di ognuno di noi. In questi 4 anni purtroppo nulla è cambiato a livello nazionale e i dati delle morti sul lavoro sono sempre troppo alti e in continuo aumento, come se non ci fosse soluzione a questo tragico andamento".

Così la nota della Fiom-Cgil Padova in occasione del quarto anniversario della tragedia della Acciaierie Venete.

"E, purtroppo, proprio alla vigilia di questa data non possiamo non segnalare con profondo cordoglio e preoccupazione che un altro lavoratore ha perso la vita in un’acciaieria, di tratta di Giancarlo Carizzoni di 58 anni, dipendente della ditta Euromec che lavora in appalto presso lo stabilimento delle Acciaierie Beltrame di Vicenza, morto per folgorazione a seguito del contatto dell’autogrù che stava movimentando con i cavi dell’alta tensione presenti in loco".

"Questo è quello che accade praticamente ogni giorno nei luoghi di lavoro in tutta Italia. Migliaia di morti, migliaia di famiglie spezzate, migliaia di orfani e di genitori senza più un figlio o una figlia da abbracciare, visto l’alto numero di giovani perdite registrato quest’anno".

LEGGI ANCHE:

Morti Acciaierie Venete, sei manager a processo per omicidio colposo e lesioni

"Per questo non smetteremo mai di chiedere alle istituzioni un maggior impegno e maggiori investimenti per garantire i controlli per la tutela e la sicurezza nei luoghi di lavoro. A tutti i lavoratori e le lavoratrici che si sentono costretti a compiere azioni e lavori non in sicurezza, perché precari o sotto ricatto, diciamo FERMATEVI, rifiutatevi, mettete la salvaguardia della vostra vita al primo posto. Alle aziende ricordiamo che la tutela della vita umana è prioritaria e deve venire prima del profitto, del risparmio e della produttività e il sindacato non è disposto a mediazioni su questo tema".

"Oltre al dolore e al ricordo è fondamentale che in questo giorno si ribadisca, con sempre più efficacia, quanto sia importante porre sempre maggiore attenzione al continuo miglioramento dei processi produttivi e della formazione, anche attraverso la sensibilizzazione nelle scuole superiori come la Fiom di Padova ha fatto quest’anno. Solo quando riusciremo o ottenere il risultato di zero infortuni potremo dichiarare di aver dato un significato a tutte le perdite umane e a tutto il dolore provocato".

Oggi a Padova dalle ore 7,40 alle ore 7,45 di venerdì 13 maggio l'acciaieria ha sospeso l'attività produttiva del forno e in tutto lo stabilimento ci si è fermati per ricordare il valore della vita e la necessità della sua salvaguardia. Durante la giornata, nello stabilimento veronese, si terrà anche un’assemblea organizzata dalla Rsu sulla salute e sicurezza nel luogo di lavoro.

"Per la Fiom la salute e la sicurezza sono oggetto di permanente mobilitazione con manifestazioni, scioperi, iniziative, assemblee, denunce agli organi competenti".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter