Allerta massima

Sono quattro ora i nuovi focolai in Provincia di Padova

Tutto da rifare nel Veneto finora considerato campione d'Italia nella lotta al Covid.

Sono quattro ora i nuovi focolai in Provincia di Padova
Cittadella, 21 Luglio 2020 ore 13:52

Dall’emblematica Vò Euganeo ad oggi, sembra cambiata a velocità supersonica la situazione in provincia di Padova.

Tutto partì dal funerale con 200 persone

Tutto era iniziato il 4 luglio scorso, con un nuovo focolaio a Padova infiammatosi dopo la commemorazione funebre di una persona che era defunta a febbraio in Camerun. La cerimonia si era svolta in un’area di un parco pubblico di padova, in via Lungargine Rovetta. Subito otto i casi positivi al Covid-19 individuati dall’Ulss 6 Euganea: ad oggi, martedì 21 luglio, sono saliti a quota 17. Alla celebrazione funebre avevano preso parte oltre 200 persone, che le autorità hanno cercato in tutti i modi di rintracciare: una corsa contro il tempo, che non si ferma.

Due casi al mercato agroalimentare di Padova

Poi, quattro giorni fa (venerdì 17 luglio 2020), un caso di positività al coronavirus era stato registrato all’interno del Mercato Agro Alimentare di Padova. Si trattava del gestore di un bar posizionato nella struttura (famigliari posti in isolamento). Sono stati attivati tutti i protocolli e s’è ricostruita la rete di contatti della persona per riuscire a effettuare i tamponi su tutti, alla ricerca di un eventuale altro positivo. E infatti un altro lavoratore dello stesso bar è risultato contagiato.

Ben 18 positivi nel corriere espresso di Limena

La notizia di ieri, lunedì 20 luglio, è che ben 18 nuovi positivi sono spuntati nella sede di un corriere espresso a Limena, sempre in provincia di Padova. E per l’Usl 6 Euganea il focolaio nella SDA non è che l’ennesimo grattacapo, quando non molto tempo fa proprio Padova – soprattutto per via del virologo Andrea Crisanti – nel Veneto campione d’Italia nella lotta al Covid era considerata terra d’eccellenza. Tutto da rifare, invece, con la regione guidata dal governatore Zaia che ora presenta il più alto indice di contagio a livello nazionale proprio per via del moltiplicarsi incontrollato di nuovi focolai.

Focolaio anche in casa di riposo a Camposampero

Ma non è finita, perché c’è anche la casa di riposo “Moretti Bonora” di Camposampero, dove sempre il 17 luglio s’era registrato un caso di Covid. E sapete qual era l’origine del focolaio? Sempre il famoso funerale di cui sopra in un parco di Padova a cui avevano preso parte due operatrici e un infermiere. Risultato: due ospiti al momento contagiati e anche un’altra infermiera.

La polveriera migranti anche nel Veneziano

Per non parlare, in conclusione, di quanto accaduto a Jesolo… con i migranti nella sede della Croce Rossa divenuti un caso nazionale. Anche in quel caso il presidente Zaia era tornato ad alzare la voce, sottolineando la necessità di più ferree restrizioni (Coronavirus, Zaia: “Serve fermo per legge”. Ma polizia locale di Jesolo afferma: “Nessuna emergenza sanitaria”), mentre nel Veneziano la popolazione è insorta solo all’ipotesi di riaprire una vecchia base militare per metterci in isolamento i migranti positivi.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità