Cronaca
Telefonata provvidenziale

Padova, probabile femminicidio sventato "solo" perché l'ex è stato scambiato per un ladro

E' successo ieri sera, mercoledì. L'uomo, un 30enne del Bangladesh, è stato visto arrampicarsi sul balcone, per poi forzare la portafinestra. Ma non voleva rubare...

Padova, probabile femminicidio sventato "solo" perché l'ex è stato scambiato per un ladro
Cronaca Padova, 21 Aprile 2022 ore 16:02

Scambiato per un ladro, stava entrando in casa dell’ex compagna. Arrestato.

Padova, probabile femminicidio sventato "solo" perché l'ex è stato scambiato per un ladro

Nella serata di ieri, mercoledì 20 aprile 2022, intorno alle 22, è arrivata sulla linea d’emergenza 113 la telefonata di una donna che segnalava, in zona Chiesanuova, la presenza di un uomo visto arrampicarsi su un balcone al secondo piano di un’abitazione ed intento a forzarne la portafinestra.

Una Volante ha raggiunto tempestivamente l’edificio segnalato, ma ha da subito compreso che l’uomo, scambiato dalla segnalante per un ladro, in realtà era l’ex compagno di una cittadina polacca residente in quell’appartamento. Si tratta di un trentenne proveniente dal Bangladesh a carico del quale, dal 2020, era stato disposto il Divieto di Avvicinamento nei confronti della predetta e dei luoghi dalla stessa frequentati, misura disposta a seguito di maltrattamenti, minacce e violenze perpetrate nei suoi confronti da quando la donna aveva deciso di interrompere la loro relazione.

Nella serata di ieri l’uomo si era introdotto di nascosto in casa della ex compagna arrampicandosi sulla grondaia fino al secondo piano, danneggiando una finestra e sottraendole, altresì, il cellulare così da impedire che la stessa potesse chiedere aiuto. Grazie alla pronta segnalazione di “furto” in atto ed al conseguente tempestivo intervento della Volante, è stato evitato il peggio. Lo straniero, gravato anche dall’obbligo di dimora in un Comune della Provincia di Udine, è stato arrestato e, questa mattina, a seguito di Giudizio per direttissima è stata disposta nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter