Sicurezza

Ordinanza anti nomadi all'Arcella, ieri subito un intervento delle Forze dell'ordine

Fatta rispettare ieri da agenti della Polizia Locale e della Questura l’ordinanza che vieta a tre famiglie di nomadi la sosta con camper e furgoni.

Ordinanza anti nomadi all'Arcella, ieri subito un intervento delle Forze dell'ordine
Cronaca Padova, 09 Marzo 2021 ore 08:56

Fatta rispettare ieri mattina da agenti della Polizia Locale e della Questura l’ordinanza che vieta a tre famiglie di nomadi la sosta con camper e furgoni all’Arcella e a Pontevigodarzere.

Ordinanza anti nomadi all'Arcella, ieri subito un intervento

Fatta rispettare già ieri mattina, lunedì 8 marzo 2021, da agenti della Polizia Locale e della Questura l’ordinanza che vieta a tre famiglie di nomadi la sosta con camper e furgoni all’Arcella e a Pontevigodarzere.

Ieri mattina 8 marzo 2021 pattuglie del Reparto Pronto Intervento della Polizia Locale unitamente a personale della Squadra Mobile della Questura di Padova hanno dato esecuzione all'Ordinanza con la quale il Sindaco Sergio Giordani ha vietato la sosta in città ad alcune famiglie nomadi.

Infatti, dando seguito alle richieste dei cittadini e degli operatori economici dell'Arcella e Pontevigodarzere ed alle centinaia di controlli appositamente eseguiti dalla Polizia Locale, è stata vietata la sosta a tre famiglie nomadi e a cinque camper e furgoni che negli ultimi mesi stazionavano stabilmente nella zona nord della città causando disagi e degrado specialmente per le condizioni di sporcizia in cui veniva ridotta l'area in cui parcheggiavano i propri veicoli.

Ordinanza anti nomadi all'Arcella, ieri subito un intervento delle Forze dell'ordine

Si erano spostati

Da pochi giorni, il gruppo nomade si era spostato nei pressi dell'area verde limitrofa al lungargine San Lazzaro, anch'esso inserito nella zona "rossa" interdetta alla sosta di veicoli. Di conseguenza, quando si sono presentati gli agenti sul posto nell'area del Lungargine San Lazzaro, i camper sono stati prontamente messi in moto allontanandosi rapidamente dall'area vietata.

L'ordinanza sindacale sanziona penalmente l'inottemperanza delle predette famiglie nomadi, tutte residenti nel Torinese, nel caso in cui fossero sorprese a trasgredirne i divieti stazionando in una delle vie comprese nella zona rossa.

Il commento dell'assessore Bonavina

Soddisfatto l'assessore alla sicurezza Diego Bonavina:

"Padova è una città tradizionalmente accogliente e solidale con chi è difficoltà, ma è altrettanto ferma e rigorosa con chi trasgredisce le regole poste alla base di una civile convivenza. Per questo motivo è stata emessa un'ordinanza che offre un mezzo nuovo e di più immediata efficacia per i nostri agenti nei confronti di questo tipo di nomadismo, fonte di degrado urbano, per ripristinare le condizioni di adeguata e giusta vivibilità nei quartieri della città. Ringrazio quindi il personale della Polizia Locale e della Questura per il sollecito e pronto intervento di questa mattina: continueremo a vigilare per garantire il rispetto e l'eventuale esecuzione dell'ordinanza "anti-nomadi."