Menu
Cerca
L'analisi degli esperti

Impatto emotivo del Covid sugli adolescenti, crescono le richieste di supporto psicologico nel Padovano

Difficoltà di apprendimento, di attenzione e relazionali: l’impatto emotivo del Covid registrato da CRESCO con sede a Noventa Padovana.

Impatto emotivo del Covid sugli adolescenti, crescono le richieste di supporto psicologico nel Padovano
Cronaca Padova, 04 Marzo 2021 ore 16:37

Si tratta in particolare dei ragazzi tra i 14 e i 20 anni che hanno sofferto l’isolamento fisico e sociale determinato dalla prolungata chiusura delle scuole.

Impatto emotivo del Covid sugli adolescenti

Gli effetti della pandemia si riflettono in particolar modo negli adolescenti che hanno praticato la didattica a distanza più a lungo; si tratta dei ragazzi tra i 14 e i 20 anni che hanno sofferto l’isolamento fisico e sociale determinato dalla prolungata chiusura delle scuole.

A constatarlo è CRESCO, realtà con sede a Noventa Padovana che offre supporto specializzato per bambini e adolescenti con difficoltà scolastiche e che, nell’ultimo anno, ha registrato un aumento del 30% delle richieste di aiuto da parte delle famiglie con figli adolescenti.

LEGGI ANCHE: Veneto in zona arancione? Genitori pronti a manifestare contro le chiusure delle scuole

Il passaggio alle lezioni online ha avuto un impatto emotivo importante nella vita degli studenti e delle loro famiglie creando un rischio potenziale per il benessere mentale di bambini e adolescenti. Il cambiamento dell’ambiente di apprendimento è stato velocissimo e le limitate interazioni e attività sociali hanno generato una situazione difficile e pericolosa per lo sviluppo cognitivo dei giovani la cui routine è stata stravolta improvvisamente.

Con la DaD, la sveglia suona all’ultimo minuto perché basta accendere il computer, fare il check audio-video e la scuola arriva a casa puntuale a seconda della connessione internet. A casa però non ci sono i compagni di classe e non c’è complicità tra i banchi di scuola; stare attenti alle lezioni online diventa molto difficile mentre distrarsi è facilissimo.

Il commento di Luca Morigi di CRESCO

“In questo crescente bisogno di star vicino ai ragazzi e ai bambini che hanno difficoltà di apprendimento e relazionali – dichiara Luca Morigi, Amministratore CRESCO – la nostra struttura fornisce una guida e un sostegno quotidiano specialistico agli studenti, ai genitori e agli insegnanti, attraverso una rete di collaborazione che comprende la famiglia, la scuola e altri specialisti coinvolti (medici, allenatori e altri professionisti). Da anni lavoriamo sul territorio con la presa in carico a 360 gradi della “persona” e della famiglia in un particolare momento di problematiche scolastiche, evolutive o di vita e l’onda lunga del Covid continua a farsi sentire con il costante aumento delle richieste d’aiuto legate alle difficoltà di apprendimento, di attenzione, emotive e relazionali negli adolescenti”.

Il modello di intervento di CRESCO prevede una rete di lavoro attorno al bambino/ragazzo costruita con tutti gli agenti educanti con lo scopo di trovare equilibrio e serenità rispetto alle dinamiche dell’apprendimento e della crescita del sé. L’equipe è formata da un team di specialisti-psicologi con formazione specifica nella cura e nella prevenzione dei disagi psicologici legati agli insuccessi scolastici e alle difficoltà evolutive.

La coordinatrice Longo: “Rischio apatia”

“La didattica deve poter subire una trasformazione importante per poter “salvare” le generazioni future e permettere ai ragazzi di apprendere e conoscere nonostante l’emergenza Covid. – afferma Francesca Longo, Coordinatrice Equipe CRESCO – perché il rischio sempre più concreto, con il protrarsi delle chiusure delle scuole superiori è apatizzare i ragazzi di fronte a schermi vuoti e insegnar loro che la tecnologia serve solamente per copiare la verifica. La didattica integrata invece deve prevedere di lavorare a distanza con il calore emotivo dell’essere in classe e lavorare in presenza con l’utilizzo quotidiano della tecnologia per ogni ragazzo e ad ogni banco. Questo grazie a strategie innovative di comunicazione, uso di app specifiche, nuovi modelli di apprendimento cooperativo a distanza e un’attenzione speciale a tutti i ragazzi perché possano essere attivi, partecipativi e protagonisti della loro formazione.

Info: https://www.iocresco.me/

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli