a Padova

Violenta la moglie davanti ai figli ma una vicina di casa se ne accorge e chiama i soccorsi

Non era la prima aggressione ai danni della vittima 42enne, ma grazie all'aiuto di un'inquilina adesso il 59enne nigeriano non potrà più avvicinarsi alla casa familiare

Violenta la moglie davanti ai figli ma una vicina di casa se ne accorge e chiama i soccorsi
Pubblicato:

Un 59enne nigeriano è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia l'11 gennaio 2024 dopo che, durante una tra le tante liti con sua moglie, era stato beccato e segnalato da una vicina di casa.

59enne maltratta la moglie davanti ai figli

Umiliazioni, schiaffi, percosse nei confronti della moglie: queste le accuse mosse ad un 59enne di origine nigeriana che è stato denunciato ai Carabinieri di Padova per maltrattamenti in famiglia. 

I fatti risalgono al 7 gennaio 2024, quando la coppia stava discutendo animatamente nella loro abitazione difronte ai loro tre figli. Tuttavia, quella lite si è ben presto trasformata in una vera e propria violenza ai danni della compagna 42enne, anch'essa nigeriana.

Una vicina di casa se ne accorge e chiama i soccorsi

Provvidenziale è stato l'intervento di una vicina di casa che, proprio in quel momento, stava assistendo all'aggressione. Immediata la chiamata al 112 delle Forze dell'ordine, che hanno raggiunto dubito dopo il condominio.

Qui, ad attendere i militari, la vittima 42enne insieme ai tre bambini, i quali, ancora molto impauriti, hanno iniziato a raccontare il brutto episodio a cui avevano assistito poco prima.

Anche la nigeriana, che presentava evidenti segni di percosse, ha confidato ai Carabinieri delle violenze messe in atto dal marito diverse volte e già denunciate in passato.

Al malfattore è stata, quindi, notificata lo scorso 11 gennaio 2024 la misura di allontanamento dalla casa familiare, emessa dal GIP del Tribunale di Padova, nonché il divieto di avvicinamento ai luoghi maggiormente frequentati dalla moglie, oltre all'obbligo di presentazione all'Autorità Giudiziaria.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali