Il dramma

Trova il padre morto sul pavimento della camera da letto

Non si esclude la caduta violenta provocata da un malore.

Trova il padre morto sul pavimento della camera da letto
Cronaca Cittadella, 12 Gennaio 2021 ore 16:53

Tragedia a Cittadella. Un uomo è stato trovato senza vita sul pavimento della camera da letto del suo appartamento di via Bigolina.

Dramma a Cittadella

Un dramma ancora da chiarire quello che si è verificato oggi, martedì 12 gennaio 2021 a Cittadella, alle 5 di mattina in via Giulia Bigolina. I Carabinieri, infatti, si sono recati nell’abitazione su segnalazione di un 42enne che aveva riferito di aver trovato il padre convivente esanime sul pavimento della camera da letto.

Secondo quanto accertato da una prima analisi, sembra che l’uomo, Giuseppe Baggio, classe 1952 abbia perso conoscenza e poi sia caduto a terra sbattendo violentemente. La salma è stata trasportata all’obitorio di Cittadella ed è a disposizione dell’Autorità giudiziaria che si è riservata di disporre l’esame autoptico.

La nottata appena trascorsa è stata segnata da diversi interventi. A Padova, per esempio, i Carabinieri si sono recati a casa di una donna che aveva subito un furto nella propria abitazione ed era riuscita ad intravvedere l’autore, mentre si stava dando alla fuga.

Furto in appartamento a Padova, ma la vittima vede il ladro

All’1.40 di questa notte, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Padova si è recato in via Lombardi di questo centro, dove la signora Z.T., nata nel 1966, aveva subito un furto nella propria abitazione ed era riuscita ad intravvedere l’autore, mentre si stava dando alla fuga.

Dal sopralluogo effettuato, i militari constatavano che era stato asportato un paio di scarpe da ginnastica “Nike”, un giubbotto di colore marrone, un portafogli e una borsa. Questi due ultimi oggetti sono stati rinvenuti nel giardino di pertinenza dell’abitazione, sicuramente lasciati dal ladro in fuga e quindi riconsegnati alla vittima.

Nel proseguire con l’esame dei locali, che erano stati messi a soqquadro durante la ricerca di oggetti di valore, i militari constatavano che il ladro aveva lasciato un paio di scarpe che presumibilmente aveva sostituito con quella asportate e uno zaino contenente tre telefoni cellulari, un portafogli con alcune banconote all’interno, che si ritiene materiale rubato in precedenza.

Ottenuta la descrizione dell’autore del furto da parte della vittima, i militari si sono posti alla sua ricerca nelle aree poste in prossimità dell’abitazione in argomento. Verso le ore 3, a circa 300 metri, i militari notavano la presenza di un soggetto che poteva corrispondere alla descrizione ricevuta e indossava un paio di scarpe rosse, identiche a quelle rubate.

Durante una sommaria perquisizione sul posto, l’uomo, è stato trovato in possesso di una tessera sanitaria che era stata rubata dalla borsa della signora Z.T., pertanto condotto negli uffici di via Rismondo, veniva completata la perquisizione che consentiva di trovare anche il giubbotto oggetto del furto, che il nord africano indossava sotto quello di sua proprietà.

Non essendo provvisto di documenti è stato fotosegnalato e quindi identificato per R.B. nato nel 2003, ma un esame medico radiologico eseguito al pronto soccorso dell’ospedale di Padova, ha escluso che si tratti di una persona di età minore degli anni 18. Per tale ragione, non essendo più possibile l’arresto a causa della trascorsa flagranza, come concordato con il PM di turno, lo straniero è stato denunciato per furto in abitazione e ricettazione. Sono in corso gli accertamenti per verificare l’appartenenza degli altri oggetti rinvenuti nello zaino.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità