Cronaca
Caporalato

Tragedia a San Pietro in Gu, il superstite: "Sveglia all'alba e in campagna per pochi euro"

Una vita dura, anzi durissima, quella dei braccianti agricoli morti nell'incidente stradale lungo la Postumia... La testimonianza di uno dei due sopravvissuti.

Tragedia a San Pietro in Gu, il superstite: "Sveglia all'alba e in campagna per pochi euro"
Cronaca Padova, 23 Maggio 2022 ore 15:34

E' pieno di dolori alla schiena, uno dei superstiti del tragico incidente avvenuto a San Pietro in Gu e nel quale hanno perso la vita quattro braccianti agricoli. Insieme ad altri connazionali vive in una casa di Cologna Veneta nel Veronese, e ai microfoni del tg regionale Rai, ha provato a rivivere quei drammatici istanti del sinistro stradale, svelando pure dei retroscena sulla vita dei braccianti agricoli come lui, sfruttati da una cooperativa...

Tragedia a San Pietro in Gu, il superstite: "Sveglia all'alba e in campagna per pochi euro"

stradale. Il giovane abita a pochi passi da quella che sarebbe la sede della cooperativa in liquidazione a cui era intestata la macchina a bordo della quale si è verificato lo schianto mortale lungo la statale. La mattina dell'incidente è partito all'alba, verso le cinque, come sempre. La destinazione finale tra Vicenza e Padova per pulire un vigneto.

Nel lavoro, però, si intuisce una condizione di sfruttamento a cui sarebbero stati sottoposti i lavoratori. La paga, infatti, di sei euro all'ora, e si lavora tutti i giorni, cambiando di volta in volta la destinazione. Sindacati e associazioni di categoria hanno aperto un tavolo in Prefettura per contrastare il caporalato.

Un fenomeno difficile da eliminare, proprio alla luce degli enormi vantaggi economici che fruttano a tutte quelle aziende che decidono di "camminare" lungo il sentiero dell'illegalità.

I quattro deceduti nell’incidente sono stati identificati ma sono in corso le comunicazioni ai familiari. Si tratta di:

  • A.S. marocchino del 1999 conducente
  • O.S. nigeriano del 1995
  • C.Y. marocchino del 1996
  • H.I. marocchino del 2001
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter