E' successo a gennaio

Statua di Aldo Moro imbrattata a Padova, indagati tre membri dell'ex centro sociale Gramigna

Si tratta di due uomini e una donna. Tra le accuse: distruzione, uso illecito di beni culturali o paesaggistici, vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate in concorso tra loro

Statua di Aldo Moro imbrattata a Padova, indagati tre membri dell'ex centro sociale Gramigna
Pubblicato:
Aggiornato:

La Polizia di Padova ha identificato i tre presunti responsabili di alcune scritte e imbrattamenti avvenuti lo scorso gennaio 2024, quando è stata colpita anche la statua di Aldo Moro. Ad essere indagati due uomini e una donna appartenenti all'ex centro sociale Gramigna.

Statua di Aldo Moro imbrattata a Padova, indagati in tre

Vernice rossa, contro Israele e in sostegno all'intifada, sul volto della statua dedicata ad Aldo Moro e a coprire il nome dei cinque agenti della sua scorta uccisi.

Statua di Aldo Moro imbrattata con vernice rossa

E' successo lo scorso 26 gennaio 2024 a Padova, sul muro e nei dintorni del Centro culturale San Gaetano, dove di lì a poco si sarebbe svolta la cerimonia celebrativa della Giornata della Memoria.

Al fine di identificare i colpevoli, le indagini della questura di Padova hanno portato ad una serie di perquisizioni personali e locali delegate dalla Procura a carico di tre persone appartenenti al Centro sociale Elevante, ex Gramigna e alla stessa sede del movimento:si tratta di due uomini e una donna.

Tra le accuse, uso illecito di beni culturali e vilipendio della Repubblica

L'accusa è di distruzione, dispersione, deterioramento, deturpamento, imbrattamento e uso illecito di beni culturali o paesaggistici, vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate in concorso tra loro.

Gli indagati si trovano ora in stato di libertà. Nei loro confronti sono state disposte le perquisizioni locali e personali estese anche alla sede del circolo.

Gli agenti della questura stanno ora verificando se i presunti responsabili possono essere gli stessi autori di analoghe scritte comparse recentemente a Padova.

Vandalizzata anche la tomba di Berlinguer a Roma

La statua di Aldo Moro non è l'unica opera presa di mira. Scendendo verso Roma, infatti, nel mirino di alcuni vandali è finita la tomba di Enrico Berlinguer che giace al cimitero Flaminio, a Prima Porta.

Alcuni ignoti hanno distrutto le piante che si trovano sulla lapide dove riposano le spoglie dello storico segretario del Partito Comunista Italiano.

A denunciare l'accaduto la figlia e giornalista Bianca Berlinguer sul suo profilo Instagram.

"Nei quarant’anni dalla morte di papà la sua tomba è sempre stata piena di fiori portati da tante persone che si sono fermate per un pensiero e un omaggio. E questo è sempre stato per noi figli un grande conforto. Nell’ultimo mese la tomba è stata per due volte vandalizzata da qualcuno (una o più persone): vasi distrutti, fiori buttati e aiuole calpestate. Un atto vigliacco e ignobile."

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bianca Berlinguer (@bianca.berlinguer)

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali