Cronaca
Polizia locale

Spaccio di droga a Padova, fermata la coppia della metanfetamina

Il personale in borghese ha individuato in particolare un cittadino cinese di circa 30 anni che veniva avvicinato da persone di nazionalità filippina.

Spaccio di droga a Padova, fermata la coppia della metanfetamina
Cronaca Padova, 14 Giugno 2022 ore 17:16

Spaccio di metanfetamina sgominato dalla Polizia Locale di Padova.

Spaccio di droga a Padova, fermata la coppia della metanfetamina

La Polizia Locale di Padova, giovedì scorso, è intervenuta con una decisa azione di contrasto dello spaccio di metanfetamina a Padova: questo tipo di sostanza stupefacente è particolarmente in uso alle popolazioni dell'estremo Oriente, in particolare nelle Filippine e in Cina. Le conseguenti attività di spaccio, che si sviluppano a Padova tra una cerchia ristretta di persone che tendono ad isolarsi dalla cittadinanza e ad essere poco visibili, passano quasi inosservate.

Ma dai movimenti di alcuni cittadini asiatici nel cuore del quartiere Arcella, gli agenti della Polizia Locale hanno capito che c'era qualcosa di sospetto: attraverso un'attività di indagine durata qualche settimana, il personale in borghese ha individuato un cittadino cinese di circa 30 anni che veniva avvicinato da persone di nazionalità filippina che, dopo uno scambio veloce, si allontanavano in fretta.

Fermate nell'immediatezza, queste ultime hanno rivelato di aver acquistato sostanza stupefacente di tipo metanfetamina, detta anche "shaboo". Gli agenti, pedinando il cinese, hanno ricostruito il suo raggio d'azione, finché nella giornata di giovedì sono riusciti a fermarlo. E' scattata anche la perquisizione domiciliare in due unità abitative abitualmente frequentate dallo spacciatore e in una di queste gli agenti hanno accertato la presenza di una seconda persona, una donna sempre di origine cinese di circa 45 anni, che deteneva nella sua camera una ingente quantità di metanfetamina e che evidentemente faceva affari con l'altro soggetto cinese, suo braccio destro. Oltre allo stupefacente, per un peso complessivo di circa 115 grammi ed un valore di mercato prossimo ai 20.000 euro, è stato trovato materiale per il confezionamento delle dosi e quasi 2000  euro in denaro, probabile provento dello spaccio.

Per entrambi sono scattate le manette: messi a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, il Pubblico Ministero di turno ha disposto il carcere per lui e gli arresti domiciliari per lei. Unitamente alla convalida degli arresti è stato poi disposto il divieto di dimora nella Regione Veneto per il cittadino cinese e il divieto di dimora nella Provincia di Padova  per la cittadina cinese.

Seguici sui nostri canali