A Rovolon

Si chiude in auto e tenta di farla finita respirando il gas di scarico: 53enne salvato all'ultimo dai Carabinieri

Una volta tirato fuori dal veicolo, il 53enne è stato preso in cura dal personale del 118 che lo ha trasportato all'ospedale civile di Padova per intossicazione da monossido di carbonio

Si chiude in auto e tenta di farla finita respirando il gas di scarico: 53enne salvato all'ultimo dai Carabinieri
Pubblicato:

Ha cercato di farla finita collegando un tubo di gomma a quello di scappamento della sua auto. Poi si è chiuso nel veicolo, in attesa che il fumo invadesse l'abitacolo. Un tentativo di suicidio che però, nella nottata di sabato scorso, 6 luglio 2024, è stato sventato a Rovolon. I militari dell'Arma, infatti, sono intervenuti all'ultimo, salvando la vita di un 53enne (in copertina: immagine di repertorio).

Un veicolo sospetto nel parcheggio

E' un dramma scampato quello che nel corso della notte di sabato 6 luglio 2024 si è verificato a Bastia di Rovolon: i Carabinieri di Lozzo Atestino, infatti, sono intervenuti nel parcheggio di Via Giovanni Paolo II, salvando la vita a un 53enne trovato privo di sensi all'interno del proprio veicolo.

I militari sono stati allertati tramite una telefonata al 112, nella quale è stata segnalata la presenza di

un'auto con il motore acceso all'interno del parcheggio, con un tubo di gomma collegato tra l'abitacolo e il tubo di scappamento.

Il salvataggio

Sembrava fosse ormai troppo tardi per il 53enne, il quale non rispondeva agli agenti. Con le portiere dell'auto chiuse dall'interno, i militari hanno dovuto forzare il bagagliaio del veicolo, così da estrarre l'uomo e permettere al gas di fuoriuscire dal veicolo.

In seguito, il 53enne è stato preso in cura dal personale del 118, che lo hanno trasportato all'ospedale civile di Padova per intossicazione da monossido di carbonio. Fortunatamente, sebbene avesse perso i sensi prima dell'arrivo dei Carabinieri, l'uomo non aveva respirato abbastanza gas da essere in pericolo di vita.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali