Cronaca
Lotta alla prostituzione

Sequestrati due centri massaggi cinesi per servizi "particolari": 7 persone denunciate

Cinque donne, sotto la supervisione di due responsabili del centro, erano costrette a prostituirsi in ambienti degradati e privi di condizioni igieniche adeguate

Cronaca Padova, 25 Novembre 2022 ore 14:53

Le indagini hanno permesso di risalire a numerosi annunci pubblicizzati su siti di incontri con tanto di recensioni che pubblicizzavano il "servizio".

Sequestrati due centri massaggi cinesi per servizi "particolari" e 7 persone denunciate

Nei giorni scorsi i Finanzieri del Comando Provinciale di Padova hanno sequestrato due immobili nella provincia, adibiti a centri massaggi e gestiti da donne cinesi, dove avvenivano incontri a luci rosse.
In particolare, nell’ambito del dispositivo di controllo del territorio, i Baschi Verdi del Gruppo avevano individuato un locale presso il quale vi era un anomalo e continuo afflusso di avventori, prettamente di sesso maschile, che ha insospettito i militari.

I successivi approfondimenti hanno permesso di reperire numerosi annunci pubblicizzati su siti di incontri per adulti, corredati di foto di giovani ragazze con espliciti riferimenti alle prestazioni sessuali offerte e, soprattutto, di diverse recensioni dei clienti che non lasciavano adito a dubbi sull’effettivo esercizio di un’attività di meretricio a pagamento svolta all’interno del centro benessere.

L'intervento congiunto di fiamme gialle, Ulss e operatori anti-tratta

Per tali ragioni, congiuntamente a dipendenti dell’Ulss 6 Euganea (Servizio prevenzione igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro e Servizio igiene e sanità pubblica) e a operatori specializzati anti- tratta della Regione Veneto, veniva avviato l’intervento. Nel corso dell’accesso si rilevava la presenza di cinque donne, di cui una sorpresa a prostituirsi, e di due responsabili di fatto del centro di origine
cinese. Le successive attività di perquisizione consentivano di appurare la commistione tra i luoghi di lavoro e quelli di dimora, trovati in condizioni di degrado per carenze igieniche e impianti non a norma.
Dagli accertamenti preliminari emergeva che le ragazze sarebbero state obbligate a lavorare per l’intera giornata e a consegnare le somme incassate alle donne ritenute conduttrici dell'attività illecita. Dall’esame dei telefoni cellulari sequestrati nell’immediatezza dei fatti si apprendeva, inoltre, che una gestione analoga avveniva in un ulteriore centro di altro Comune della provincia. Tali risultanze inducevano i militari a estendere il controllo anche al nuovo indirizzo e, all’atto dell’accesso, venivano identificate altre due ragazze cinesi intente a prostituirsi.

Evasori totali e personale in nero, oltre a tre ragazze irregolari

Dai successivi controlli documentali si evinceva che l’attività era svolta in totale evasione d’imposta, le lavoratrici delle due attività non erano regolarmente assunte e tre di loro risultavano anche irregolari sul territorio dello Stato. Sono in corso approfondimenti finalizzati al recupero a tassazione dei proventi sottratti al pagamento delle imposte.
Le responsabili di fatto dei centri e le formali titolari delle ditte individuali esercenti l’attività economica dichiarata per i reati di  favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sfruttamento del lavoro e della prostituzione, oltre alle tre donne irregolari, deferite per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Contestualmente si è proceduto anche al sequestro dei due immobili utilizzati per perpetrare le condotte illecite.

L’attività di servizio in rassegna s’inserisce nel più ampio novero dei compiti istituzionali assolti dalla Guardia di Finanza e testimonia l’impegno del Corpo volto a garantire la tutela della legalità e il contrasto dei fenomeni connotati da pericolosità sociale.

Seguici sui nostri canali