Menu
Cerca
Polizia di Stato

Ricercato dall'Interpol per truffa al governo iraniano, ma lui era tranquillo in albergo a Padova

Nel 2018 in Iran il 37enne aveva contraffatto diversi documenti ottenendo dal Governo iraniano un’ingente somma di denaro in modo fraudolento.

Ricercato dall'Interpol per truffa al governo iraniano, ma lui era tranquillo in albergo a Padova
Cronaca Padova, 12 Maggio 2021 ore 09:15

37enne rintracciato in un hotel in via Acquette e arrestato dalla Polizia di Stato.

Ricercato dall'Interpol per truffa al governo iraniano

Lunedì mattina, una pattuglia della Sezione Volanti ha arrestato Navid Pirouz, nato in Turchia, il 12.08.83, in quanto destinatario di una nota di rintraccio Interpol per un mandato d’arresto diramato dalle autorità iraniane per il reato di truffa e appropriazione indebita ai danni del governo iraniano, nonché corruzione.

L’uomo è stato rintracciato dagli agenti presso una camera d’albergo in via Acquette dove alloggiava e, dopo averlo identificato, da accertamenti è emerso che il Pirouz era gravato da un provvedimento restrittivo disposto dalle Autorità iraniane perché nel 2018 in Iran, con la complicità di altre persone, l’uomo aveva contraffatto diversi documenti ottenendo dal Governo iraniano un’ingente somma di denaro in modo fraudolento destinandolo a uso personale, utilizzando conti correnti appartenenti ad altre persone al fine di agevolare le trattative economiche.

Accompagnato in Questura e tratto in arresto, gli agenti hanno notiziato la Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Venezia che ha disposto la traduzione dello straniero presso la casa circondariale di Vicenza.