A Padova

Rapinate in casa con la truffa dei falsi incidenti, riconsegnati 50mila euro in gioielli alle vittime

La Polizia ha tratto in arresto un 23enne e un 18enne responsabili di due agguati rispettivamente ai danni di una 87enne e di una 60enne

Pubblicato:

 

La Polizia di Padova ha tratto in arresto un 23enne e un 18enne entrambi campani responsabili di due "truffe del falso incidente": nel primo caso ai danni di una 87enne, nell’altro invece a una signora di 60 anni. Tutta la refurtiva, del valore di 50mila euro, è stata restituita alle vittime.

Truffe ad anziane signore: riconsegnati 50mila euro in gioielli

Ancora due casi di truffa registrati nel Padovano. A finire nel mirino di due giovani malviventi sono state un’87enne e una signora di 60 anni.

Questa volta, tuttavia, un lieto fine: tutta la refurtiva, del valore complessivo di ben 50mila euro, è stata restituita alle legittime proprietarie. Vediamo nel dettaglio cosa è successo.

Il videoservizio di Tv7, televisione del nostro gruppo editoriale Netweek:

 

Si finge maresciallo e sottrae 9mila euro alla vittima

Nel primo caso, un ragazzo di 23 anni era riuscito a sottrarre preziosi per un valore complessivo di circa 9mila euro alla vittima 87enne.

Si era finto un maresciallo facendo credere all’anziana che la nipote avesse investito un cittadino e che dovesse risarcire i danni per non finire in galera.

Approfittando dell'agitazione della signora, il giovane si era introdotto in casa facendo piazza pulita dei gioielli e della carta bancomat. Ma proprio durante un prelievo, è stato arrestato dalla Polfer della Stazione di Roma Termini.

Ruba 40mila euro di preziosi a una 60enne

Un modus operandi molto simile è stato adoperato anche da un 18enne. In questo caso, la vittima era una 60enne a cui sono stati sottratti addirittura 40mila euro in gioielli.

Il giovane è stato seguito tramite le videocamere di sorveglianza, finché non è stato segnalato alla stazione di Padova e arrestato dalla Polfer di Roma Termini.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali