Menu
Cerca
L'iniziativa

Prima visita del Generale Antonio Paparella ai comuni colpiti dalla pandemia

Il gesto per dimostrare la vicinanza dell'Arma ai cittadini.

Prima visita del Generale Antonio Paparella ai comuni colpiti dalla pandemia
Cronaca Padova, 27 Marzo 2021 ore 08:36

Prima importante visita del Comandante Interregionale, il Generale di Corpo d'Armata Antonio Paparella ai comuni colpiti duramente dal Covid.

Prima visita del Generale

Pochi giorni dopo avere assunto la carica di Comandante Interregionale ”Vittorio Veneto”, nella sede della caserma di Prato della Valle intitolata al Generale Giuseppe Dezio, Medaglia d’Argento al Valor Militare alla Memoria, il Generale di Corpo d’Armata, Antonio Paparella, questa mattina, ha reso visita al Comando Stazione Carabinieri di Lozzo Atestino per incontrare i militari che lì prestano servizio, dove è stato ricevuto dal Comandante, Luogotenente Donato Carmelo Recupero che, con il Comandante della Legione Carabinieri “Veneto”, Generale di Divisione Fabrizio Parrulli e il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Padova, Col. Luigi Manzini, lo ha successivamente accompagnato nella sala consigliare del Municipio di Lozzo Atestino, dove ha incontrato il Sindaco di quel comune, Fabio Ruffin, quello di Vò, Giuliano Martini e di Cinto Euganeo, Paolo Rocca, che, per la circostanza, si sono riuniti in luogo, nel rispetto delle norme sulla prevenzione della diffusione del coronavirus.

Le località scelte non sono certo casuali, infatti, l’alto ufficiale ha voluto dimostrare la sua vicinanza ai cittadini dei comuni che per primi sono stati duramente provati dalla pandemia ancora in atto, divenendo riferimento e modello nazionale di tenacia e determinazione nell’affrontare i disagi conseguenti al primo lockdown totale, senza dimenticare come proprio in quei comuni fossero residenti le prime due vittime del virus.

Quanto sopra a voler ancora una volta significare come l’Arma dei Carabinieri abbia vissuto e continui a vivere direttamente tutti i disagi e i sacrifici imposti da questo particolare momento, condividendoli con la popolazione con la quale, da secoli, vive ed opera a stretto contatto, fornendo il proprio supporto oltre a garantire l’ordine e la sicurezza.