Padova

Pedina l'ex e il nuovo compagno, beccato con un taglierino nascosto nello zaino

I militari, sempre in continuo contattato telefonico con il fidanzato della vittima, sono riusciti ad intercettarlo in via Tartaglia

Pedina l'ex e il nuovo compagno, beccato con un taglierino nascosto nello zaino
Pubblicato:

Un 49enne di Padova si trova ora agli arresti domiciliari per atti persecutori e porto ingiustificato di armi: il cittadino, infatti, è stato beccato mentre pedinava la sua ex che era in compagnia del nuovo compagno, nascondendo nel suo zaino un taglierino lungo 20 cm.

49enne pedina l'ex e il nuovo compagno seguendoli in auto

Un sabato apparentemente tranquillo, quello del 23 marzo 2024, per una coppia di Padova che si stava recando a casa di parenti. Tuttavia, proprio mentre erano usciti di casa hanno notato la presenza dell'autovettura dell'ex della signora. Quest'ultimo, un padovano di 49 anni, ha iniziato a pedinarli proseguendo la marcia per diversi minuti.

A quel punto l'attuale fidanzato ha subito contattato il 112 della Centrale Operativa dei Carabinieri, spiegando i vari atteggiamenti e comportamenti che il cittadino poneva in essere con la sua condotta di guida.

Grazie ai continui aggiornamenti sugli spostamenti del mezzo del 49enne, i militari sono riusciti ad intercettarlo in via Tartaglia.

Lo stesso, a specifica domanda degli operanti sul motivo della sua presenza presso la casa della ex, ha tentennato nella sua risposta adducendo delle scuse poco credibili.

Nascondeva nello zaino un taglierino lungo 23 cm

Sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato all’interno del suo zaino un cutter di colore giallo lungo 23 cm con lama 10 cm, posto in sequestro.

I Carabinieri hanno, dunque, arrestato in flagranza di reato il malfattore per atti persecutori e porto ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato portato presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali