Pasqua nella seconda casa

Pasqua a Cortina, famiglia padovana separata dai controlli

Dopo due giorni nella località ampezzana i controlli separano marito e moglie.

Pasqua a Cortina, famiglia padovana separata dai controlli
Padova, 13 Aprile 2020 ore 12:53

Un imprenditore padovano, in barba ai controlli, ha riunito la sua famiglia a Cortina, nella casa in montagna. I controlli al ritorno, però, hanno separato la famiglia fino al termine dell’emergenza.

Pasqua nella seconda casa: famiglia separata

Un imprenditore di Padova, nonostante i divieti, ha deciso di riunire la famiglia per Pasqua e passare due giorni in montagna in Ampezzo, nella casa in montagna. Tutto sarebbe filato liscio se i controlli sulla via del ritorno non avessero svelato la trasferta pasquale.

Per tornare a casa, infatti, l’imprenditore ha programmato due auto. Lui è tornato con la madre, esibendo agli agenti un documento in cui attestava che stava tornando a Padova per lavoro. Nella seconda auto invece viaggiavano la moglie e il figlio senza però nessuna motivazione che giustificasse il loro spostamento. La Questura ha fatto controlli sula dichiarazione dell’uomo e ha scoperto che non vi era alcuna necessità inderogabile per lo spostamento, sanzionandolo. E’ andata peggio alla moglie che è stata costretta a invertire la marcia e a tornare a Cortina.

Oltre al danno, la beffa. La famiglia ora resterà divisa fino alla fine del periodo di divieto degli spostamenti.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità