Cronaca
Polizia di Stato

Padova, lotta ai bivacchi: blitz della Mobile in quattro casolari abbandonati

Mirati controlli da questa mattina in alcuni casolari abbandonati in città nei quartieri Arcella, Stanga e Guizza.

Padova, lotta ai bivacchi: blitz della Mobile in quattro casolari abbandonati
Cronaca Padova, 20 Ottobre 2022 ore 14:58

Squadra Volante, lotta ai bivacchi: blitz in quattro casolari abbandonati.

Padova, lotta ai bivacchi: blitz della Mobile in quattro casolari abbandonati

Già dalle prime ore del mattino di oggi, giovedì 20 ottobre 2022, le Volanti della Questura di Padova hanno effettuato mirati controlli in alcuni casolari abbandonati in città nei quartieri Arcella, Stanga e Guizza, finalizzati a verificarne l’eventuale uso da parte di sbandati e senzatetto ed accertare lo stato di deterioramento ed abbandono in cui versano.

In particolare, è stato fatto un approfondito sopralluogo alla ex Fabbrica Dialbrodo in via Vittorio Veneto, dove gli agenti hanno riscontrato segni di effrazione esterni e l’effettiva presenza di recenti giacigli al suo interno, nonché stanze colme di spazzatura. Contestualmente è stata anche controllata una struttura in via Goldoni, uno stabile industriale in disuso a cui gli operatori hanno avuto modo di accedere scavalcando un cancello, al di là del quale hanno individuato tre giacigli di fortuna. Uno di questi giacigli è risultato occupato da un 40enne tunisino, con a carico diversi precedenti di polizia e privo di documenti. Accompagnato in Questura, l’uomo è stato indagato per invasione di terreni e di edifici e nei suoi confronti sono in corso accertamenti da parte del locale Ufficio Immigrazione.

In via San Marco, inoltre, in un casolare abbandonato è stato rintracciato un 18enne tunisino pregiudicato, che è stato denunciato e, anch’egli, controllato dall’Ufficio Immigrazione in quanto in possesso di un permesso di soggiorno rilasciatogli in virtù della minore età risultato scaduto al compimento dei 18 anni. Anche l’ex Istituto Configliacchi di via Guido Reni è stato nuovamente ispezionato dagli agenti della Questura i quali hanno potuto riscontrare, ancora una volta, effrazioni realizzate per accedere all’interno dell’area e segni di giacigli anche recente, nonché rifiuti di vario genere, che lasciano presupporre la presenza di un’occupazione abusiva attuale all’interno della struttura. Lo stato di mancanza di sicurezza in cui versa parte dell’area, constatato dagli operatori, era già stato segnalato in passato alla proprietà; peraltro proprio nel corso di un accertamento di polizia, un agente dei Poliziotti di Quartiere era caduto all’interno riportando gravi lesioni ad una gamba.

Durante il controllo nella struttura è stato, altresì, trovato dello stupefacente. In particolare, circa 30 grammi di hashish sono stati rinvenuti in un buco praticato lungo il muro perimetrale e quasi un grammo di cocaina in un involucro nascosto nei tubi metallici dell’impalcatura esterna. Il personale della Questura si è accorto, altresì, che è stato realizzato un buco attraverso le reti di chiusura di una finestra che dà verso l’esterno, verosimilmente utilizzato proprio per lo scambio dello stupefacente.

WhatsApp Image 2022-10-20 at 13.38.56 (1)
Foto 1 di 5
WhatsApp Image 2022-10-20 at 13.38.33 (1)
Foto 2 di 5
WhatsApp Image 2022-10-20 at 13.38.56
Foto 3 di 5
WhatsApp Image 2022-10-20 at 13.38.33
Foto 4 di 5
WhatsApp Image 2022-10-20 at 13.38.56 (2)
Foto 5 di 5
Seguici sui nostri canali