Cronaca
Squadra Mobile

Mercato nero di sigarette a Padova, fermato il "re" del contrabbando

Denunciato un 40enne moldavo e sequestrati oltre 110 kg di tabacchi lavorati esteri. Perquisizioni tra Padova e Rovigo.

Cronaca Padova, 05 Novembre 2021 ore 12:24

Polizia di Padova: sequestrati oltre 110 kg. di tabacchi lavorati esteri di contrabbando. Perquisizioni e denunce tra Padova e Rovigo.

Mercato nero di sigarette a Padova

Al temine di un’indagine nata da alcune informazioni raccolte durante i quotidiani servizi svolti sul territorio, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Padova hanno individuato un quarantenne di origini moldave residente a Padova, in zona Stanga, che da alcuni mesi trafficava in stecche di sigarette di contrabbando.

Le indagini, che per alcune settimane hanno visto i poliziotti impegnati in servizi di osservazione e pedinamento, hanno permesso di individuare l’autovettura utilizzata dal soggetto (una Citroen) ed i percorsi che il medesimo – almeno un paio di volte alla settimana, e sempre di notte o comunque alle prime ore del mattino – seguiva presumibilmente per rifornirsi di numerose stecche di sigarette, che provvedeva poi ad immettere sul mercato nero di Padova.

L'alt degli agenti e la misteriosa coperta

La notte scorsa, giovedì 4 novembre 2021, al termine dell’ennesimo pedinamento, giunti all’altezza di via Lisbona, gli agenti scorgevano al di là dei finestrini posteriori dell’auto utilizzata dal sospettato una coperta, posta al di sopra di merce particolarmente voluminosa (evidentemente per occultarne la tipologia). Gli agenti hanno deciso dunque di affiancare l’auto, e sinceratisi che a condurre la stessa era proprio il soggetto già pedinato ed osservato nei giorni precedenti, hanno provveduto ad intimargli l’alt.

In sede di controllo di sicurezza i poliziotti hanno avuto le prime conferme. Realmente al di sotto della coperta vi erano numerosi scatoloni, chiusi con del nastro adesivo, al cui interno vi erano numerosissime stecche di sigarette per un totale di oltre 67 kg., di varie marche, prive del contrassegno dei Monopoli di Stato e riportanti invece quello dei Paesi della Bielorussia, Georgia, Moldavia e Ucraina. Oltre alla merce illegale l’uomo trasportava pure quasi 8000 euro in contanti, ritenuti parte del prezzo o dei proventi legati all’illecita attività.

Le attività di ricerca e riscontro da parte degli agenti sono proseguite oltre, interessando la stessa notte anche quegli ulteriori luoghi ed indirizzi che avevano già individuato ed annotato durante i precedenti servizi di osservazione e pedinamento. Sono stati così rinvenuti e sequestrati ancora oltre 40 kg. di sigarette all’interno di un garage nella disponibilità del soggetto (in via Valmarana) ed altri 2 kg in un’abitazione di altro soggetto complice, un quarantenne italiano residente in provincia di Rovigo.

Entrambi i soggetti sono stati denunciati dai poliziotti della Squadra Mobile per la violazione della normativa sul contrabbando di tabacchi (che prevede oltre ad una multa di euro 5 per ogni grammo convenzionale di prodotto, anche la reclusione da due a cinque anni), mentre tutte le sigarette (complessivamente circa 111 Kg.), sequestrate assieme ai quasi 8000 euro trovati durante le perquisizioni.

L'ultimo importante sequestro lo scorso maggio

Risale al maggio scorso il precedente sequestro di T.L.E. di contrabbando operato dagli stessi agenti della Squadra Mobile. Anche in quel caso, apprese notizie sulla ripresa dell’attività di contrabbando da parte di alcuni soggetti di origini dell’est-europa, che nelle giornate del sabato e domenica, utilizzando alcuni furgoni/rimorchi normalmente destinati al trasporto di merci da e per la Repubblica di Moldavia, ne approfittavano per introdurre tabacchi lavorati esteri di contrabbando, i poliziotti, si sono appostati in zona Stanga e Ponte di Brenta, sequestrando 1.110 pacchetti (del peso di 22 kg.) e denunciando un 46 anni ed origini rumene con pregiudizi di polizia