La razzia a Montegrotto Terme

Maxi furto di gioielli e denaro in abitazione, ladri beccati grazie a una chiazza di sangue

I due avevano rubato preziosi per un valore di 3mila euro e contanti per il valore di 300 euro.

Maxi furto di gioielli e denaro in abitazione, ladri beccati grazie a una chiazza di sangue
Cronaca Padova, 23 Dicembre 2020 ore 15:06

Erano entrati nell'abitazione da una finestra ma uno di loro si era ferito, lasciando sul pavimento una piccola chiazza di sangue. E proprio da quel dettaglio gli inquirenti sono risaliti ai ladri.

Maxi furto di gioielli e denaro

Ieri, martedì 22 dicembre 2020, i Carabinieri hanno denunciato M.M., nato nel 1970, residente ad Aprilia in provincia di Roma, perché ritenuto responsabile del reato di furto in abitazione in concorso, consumato il 19 luglio tra le 20.30 e le 23.30 a Montegrotto Terme, in via Caraio.

I due si erano introdotti nella villa da una finestra al primo piano. E una volta dentro avevano razziato denaro, per un valore di 300 euro, e gioielli, con un bottino di 3mila euro. Immediatamente erano scattate le indagini e le ispezioni dei Carabinieri della locale stazione, e le attenzioni si erano concentrate su una piccola traccia ematica.

E' stata la collaborazione con il Ris di Parma che ha permesso, il riconoscimento dei ladri. Il 20 dicembre, infatti, sono stati inviati gli esiti degli accertamenti biologici, dai quali è emerso il profilo genetico abbinato a uno degli indagati.