Cronaca
Conselve

In casa aveva piante di marijuana e droga: ubriaco minaccia e tenta di colpire i militari

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Padova, ha predisposto una rilevante intensificazione della presenza dei militari nei siti che maggiormente caratterizzano il territorio.

In casa aveva piante di marijuana e droga: ubriaco minaccia e tenta di colpire i militari
Cronaca Padova, 16 Agosto 2022 ore 15:27

Padova, per il ponte di Ferragosto, è stata una importante meta per tutti coloro che hanno voluto visitare le bellezze artistiche della città del Santo e della provincia.
In quest’ottica, il Comando Provinciale dei Carabinieri di Padova, ha predisposto una rilevante intensificazione della presenza dei militari nei siti che maggiormente caratterizzano il territorio.

Controlli per il ponte di Ferragosto

In tale quadro l’intera provincia di Padova è stata interessata anche da un incremento dei servizi mirati a tutelare la sicurezza sulle strade, in particolare lungo le vie di comunicazione principali e soprattutto durante il fine settimana, quanto i “pendolari” sono partiti per raggiungere le vicine località di mare. Non vanno dimenticate, inoltre, le numerose iniziative locali che sono state organizzate nei comuni della provincia, punti di ritrovo di un elevato numero di persone che hanno scelto di trascorrere a casa questo particolare periodo, per le quali è stata assicurata una costante vigilanza per assicurare l’ordine e la sicurezza.
Considerevole è stato il dispositivo adottato quotidianamente con l’impiego di 75 mezzi e 150 uomini che, distribuiti sul territorio, sono stati impiegati nella vigilanza di un ferragosto tranquillo.

A Ponte San Nicolò, i carabinieri locale stazione denunciavano in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcoolica un 30enne, ivi residente, il quale durante la notte di ferragosto, in quella via Marconi, a bordo del proprio motociclo, ometteva di fermarsi all’alt impostogli dai militari operanti che dopo averlo raggiunto e sottoposto alla prova alcolimetrica lo riscontravano positivo con un tasso pari a 1,69 gr./l.

Arrestato 50enne

A Conselve, i Carabinieri della locale stazione, supportati da equipaggio della Radiomobile di Abano Terme, traevano in arresto per detenzione, coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale, ubriachezza molesta, un 50enne del posto con pregiudizi di polizia, che durante un controllo veniva trovato in possesso di 2 involucri contenenti complessivi gr. 10 di “marijuana”. I militari operanti, corso successiva perquisizione domiciliare rinvenivano e sequestravano:

  • n. 3 piante di “marijuana” di varia altezza;
  • n. 16 ovuli contenenti complessivi grammi 74,00 circa di “hashish”;
  • gr. 58,30 circa di “marijuana”;
  • n. 1 bilancino di precisione;
  • vario materiale per la coltivazione ed il confezionamento della droga;
  • somma contante 1.135 euro sicuro provento attività illecita.

L’arrestato, durante la fase della perquisizione locale, in preda ai fumi dell’alcool minacciava e tentava di colpire i militari presenti venendo immobilizzato. Il medesimo, attualmente si trova presso il proprio domicilio in attesa del rito direttissimo.

A Vò, i Carabinieri della stazione di Lozzo Atestino, rintracciavano ed eseguivano un ordine per espiazione pena in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura della Repubblica di Vicenza, nei confronti di un 32enne che dovrà espiare una pena detentiva di mesi 2 e giorni 23 essendo stato riconosciuto colpevole di ricettazione in concorso per fatti accertati nel mese di novembre 2017 in Bassano del Grappa. L’ arrestato, è stato sottoposto a regime detentivo presso la propria abitazione;

A Monselice, nel corso della serata, i Carabinieri della locale stazione coadiuvati da colleghi dell’Aliquota Operativa della Radiomobile di Este, traevano in arresto flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, sedicente 16enne tunisino, in Italia senza fissa dimora. Il giovane, veniva sorpreso in quella via Costa Calcinara, ove aveva appena ceduto 2 dosi, per complessivi grammi 0,50 di “cocaina”, ad un 30enne ed un 27enne entrambi di Este, pregiudicati, che sono stati segnalati alla Prefettura di Padova quali assuntori di sostanze stupefacenti, mentre, la successiva perquisizione personale dello straniero permetteva di rinvenire e sequestrare ulteriori 21 dosi per complessivi gr. 11,20 medesima sostanza e somma contante 2.580 euro ritenuto provento dell’attività di spaccio.

L’ Autorità Giudiziaria per i minorenni di Venezia, disponeva l’esame della consistenza ossea che veniva eseguito presso gli ospedali riuniti Padova Sud di Monselice, dal quale emergeva che l’età del prevenuto risultava invece compatibile con un maggiorenne di anni 18, quindi l’arrestato, veniva associato presso la casa circondariale di Padova, a disposizione dell’A.G.

Seguici sui nostri canali