Padova

Il sindaco Giordani ringrazia con una lettera i volontari per il loro supporto durante il lockdown

Ringraziare del supporto e per sottolineare il ruolo prezioso del volontariato nella nostra città.

Il sindaco Giordani ringrazia con una lettera i volontari per il loro supporto durante il lockdown
Padova, 28 Settembre 2020 ore 12:38

In questi giorni sta venendo recapitata una lettera a firma del sindaco Sergio Giordani a tutti i volontari e le volontarie che si sono messi a disposizione durante le settimane di lock down, per ringraziare del supporto e per sottolineare il ruolo prezioso del volontariato nella nostra città.

Prezioso contributo

L’assessore con delega al sociale, Marta Nalin a tal proposito ha spiegato:

“Con il Sindaco abbiamo deciso di scrivere una lettera ai volontari e alle volontarie che, in particolare nelle settimane di lock down, hanno dato il loro prezioso contributo perché la città potesse affrontare l’emergenza.
Tempo messo a disposizione della comunità, in un momento difficile e delicato per tutte e tutti, che si è rivelato fondamentale anche per poter erogare servizi essenziali, in particolar modo alle persone più fragili. Risorse preziose che durante l’emergenza sanitaria hanno contribuito a contenere quella sociale. Forse un grazie è comunque poco, ma ci è sembrato un gesto doveroso.
Domani è il giorno della Festa del volontariato. Doveva essere la grande festa di celebrazione per Padova Capitale del volontariato, dopo quasi un anno di iniziative. Sappiamo che anche questa festa sarà diversa da come la potevamo immaginare, più distanziata, ma non per questo meno importante. Arriva a celebrare un anno in cui sì, non abbiamo potuto realizzare tutto ciò che avevamo in mente, ma forse abbiamo dimostrato concretamente quanto il volontariato sia una risorsa essenziale. Perché senza le persone che in quelle settimane si sono messe a disposizione, così come senza il prezioso lavoro di coordinamento del Centro servizi volontariato, non avremmo mai potuto superare l’emergenza.
Il contributo dato a tutte le iniziative dei servizi sociali, dalla distribuzione dei buoni alla consegna della spesa, è stato fondamentale e sono convinta che quei mesi ci siano serviti per ricostruire nella nostra comunità, ma anche fuori dai confini della nostra città, l’idea del volontariato, rimettendone al centro l’importanza. Nel campo del sociale, ma non solo.
Abbiamo visto come la costruzione di reti, la collaborazione, la solidarietà siano state il punto fermo per molti nelle settimane più critiche non dell’anno ma forse delle nostre vite. Mi auguro che da tutto ciò si possa essere in grado di cogliere il buono e il meglio, per portare Padova ad essere capitale del volontariato tutti i giorni, oggi come negli anni a venire.
A nome del Sindaco, mio e di tutta la Giunta, di nuovo grazie”.

Grande valore generativo

Il presidente del Centro servizi volontariato, Emanuele Alecci ha spiegato:

“Sono stati mesi difficili. Nei giorni di chiusura della nostra città e nello strano silenzio che ci avvolgeva il volontariato padovano ha dimostrato il suo grande valore generativo di relazioni. Non sarà solo la gratuità che verrà ricordata, ma la fraternità, il mettersi a disposizione dell’umanità e della comunità. Il futuro non sarà più quello che abbiamo conosciuto. Il prendersi cura, la comunità da ripensare non potrà più non tenere conto di questo inesauribile giacimento di solidarietà che è il volontariato”.

La lettera del sindaco

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità