Cronaca
Incredibile

I colpi di pistola da un balcone e il tentativo (maldestro) di nascondere l'arma sotto il materasso: denunciato un ragazzino

In casa del giovane è stata trovata una "scacciacani" e delle piante di marijuana...

I colpi di pistola da un balcone e il tentativo (maldestro) di nascondere l'arma sotto il materasso: denunciato un ragazzino
Cronaca Padova, 14 Agosto 2022 ore 08:35

Ieri mattina, una Volante del Commissariato è intervenuta in zona Mortise per segnalazione al 113 di colpi d’arma da fuoco. Il richiedente ha riferito agli agenti, giunti subito sul posto, di aver visto poco prima il vicino dirimpettaio mentre maneggiava un’arma, sentendo poi degli spari provenire dal balcone sul retro dell’abitazione dello stesso.

Colpi di pistola da un balcone: denunciato un ragazzino

Pertanto i poliziotti si sono portati presso l’abitazione del vicino del richiedente, intimandogli di aprire. All’interno dell’appartamento era presente un 16enne padovano, solo in casa dove vive con la madre. Il minorenne ha confermato agli agenti di avere una pistola scacciacani in casa. Rinvenuta in camera da letto del ragazzo, occultata sotto il materasso, si trattava di un riproduzione marca BRUNI, cromata, riproducente una Beretta cal.9, col relativo caricatore con due colpi ancora inesplosi.

Unitamente alla stessa, gli agenti hanno rinvenuto anche un bilancino di precisione e sul terrazzo due piante di marijuana e una dose di hashish rinvenuta anch’essa nella camera da letto all’interno della cassettiera.

Un’altra vicina, inoltre, ha segnalato ai poliziotti il rinvenimento di un bossolo nel giardino condominiale. Recuperato ed effettuati gli accertamenti in merito, gli agenti hanno appurato che era della stessa marca e calibro di quelli in uso al vicino minorenne e che dopo l’esplosione del colpo sul terrazzo, il bossolo espulso dall’arma era precipitato nel giardino.

Il minore, accompagnato in Sezione Volanti, è stato indagato per il reato di accensioni ed esplosioni pericolose e segnalato al Prefetto ex art. 75 D.P.R. 309/90. Quanto rinvenuto presso l’abitazione è stato posto sotto sequestro. Il minorenne infine è stato affidato alla madre.

Seguici sui nostri canali