Zona stazione a Padova

Furiosa litigata tra due 20enni finisce a coltellate: la Polizia locale evita la tragedia

Il violento alterco tra due ragazze nigeriane nel pomeriggio di ieri in zona stazione. Una delle due era già stata sfregiata al volto.

Furiosa litigata tra due 20enni finisce a coltellate: la Polizia locale evita la tragedia
Cronaca Padova, 06 Agosto 2021 ore 08:00

La Polizia Locale interviene in un diverbio tra due ventenni nigeriane ed impedisce più gravi conseguenze.

Furiosa litigata tra due 20enni finisce a coltellate

E' sempre massima l'attenzione della Polizia Locale padovana nel comparto della stazione ferroviaria: nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 5 agosto 2o21, una pattuglia della Sicurezza Urbana in servizio a piedi nei pressi del piazzale Stazione è stata attirata dalle grida di una donna.

Gli agenti si  sono portati tempestivamente all'incrocio tra via Foscolo e via Valeri dove hanno provveduto a separare due ragazze nigeriane (J.H. e B.S.G. la prima di anni 21 e l'altra di  22 anni) coinvolte in un acceso alterco durante il quale una aveva già ferito al volto l'altra con un coltello.

Per quest'ultima è stata fatta subito intervenire sul posto un’ambulanza, mentre l'altra è stata prontamente tratta in arresto ed accompagnata presso il Gabinetto di Fotosegnalamento per le procedure di rito. La giovane sarà giudicata con rito direttissimo nella mattinata di domani.

Il commento dell'assessore Bonavina

L'Assessore alla Sicurezza Diego Bonavina dichiara:

“Mi compiaccio del fatto che il nostro personale sia potuto intervenire in tempo per impedire che questo gesto sconsiderato  abbia portato a conseguenze peggiori; è ovvio che questo è stato possibile solo in considerazione del fatto che la nostra pattuglia della Squadra Sicurezza Urbana era già in servizio nella zona, come avviene sistematicamente e da lungo tempo ogni giorno dell'anno. Ci tengo a ribadire che l'attenzione dell'Amministrazione per la sicurezza di tutti i cittadini resterà sempre massima, con particolare attenzione ai luoghi sensibili come appunto la Stazione.”