piccoli grandi miracoli

Anonimo benefattore dona 150mila euro per ricomprare la casa pignorata di Leo, affetto dalla sindrome di Dravet

A Piazzola sul Brenta in due anni raccoltie 80mila euro ma poi, il lockdown, aveva fermato ogni iniziativa.

Anonimo benefattore dona 150mila euro per ricomprare la casa pignorata di Leo, affetto dalla sindrome di Dravet
Padova, 31 Luglio 2020 ore 12:47

Quanto tutto sembra perduto a volte accadono piccoli grandi miracoli.

Tutto il paese si mobilita

La crisi in questi anni sta mettendo in difficoltà moltissime famiglie e purtroppo anche quella di Leonardo, 14enne di Piazzola sul Brenta, che si è ritrovata a fare i conti con ingenti debiti a causa del fallimento nel 2011 della piccola ditta del padre. Due anni fa la casa della famiglia era stata pignorata ma il cuore grande dei cittadini si è messo subito in moto per poterli aiutare a ricomprarla. Tutti in paese sanno l’importanza di riuscire a riavere quella casa perché è stata costruita appositamente per Leonardo, affetto dalla sindrome di Dravet.

Il lockdown aveva ferma tutto

Dal 2018 quindi la Pro Loco di Piazzola sul Brenta assieme all’associazione “Creativamente Abili” hanno coinvolto il consigliere comunale Federico Bellot e il consigliere regionale Luciano Sandonà per riuscire a raccogliere i soldi per ricomprare la casa del valore di circa 240mila euro. Nel paese sono così stati organizzati numerosi eventi tra cui cene e iniziative a scopo benefico riuscendo a raccogliere 80mila euro ma il Coronavirus ha fermato tutto, non potendo procedere nell’organizzare eventi.

La fine dell’incubo

La famiglia ormai stava perdendo le speranze quando, due settimane fa, un benefattore che è rimasto anonimo, ha versato la somma di 152mila euro nel conto creato appositamente per la raccolta fondi. La fine dell’incubo per la famiglia che ora potrà finalmente ricomprare la casa grazie al cuore grande dei cittadini e di questo angelo anonimo.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità