Cambio della guardia

Carabinieri, arriva dalla Laguna il nuovo Capo ufficio della Legione “Veneto” di stanza a Padova

Si tratta del tenente colonnello Giovanni Occhioni, sin qui comandante del 4° Battaglione Carabinieri “Veneto” alla caserma «Caposile» di Venezia – Mestre.

Carabinieri, arriva dalla Laguna il nuovo Capo ufficio della Legione “Veneto” di stanza a Padova
Padova, 08 Settembre 2020 ore 08:31

Cambio al vertice del 4° Battaglione Carabinieri “Veneto” e passaggio della Bandiera di Guerra.

Caserma “Caposile”

Cambio al vertice del 4° Battaglione Carabinieri “Veneto” di stanza alla caserma «Caposile» di Venezia – Mestre. Dopo tre anni di attività operative e di addestramento, oggi il Tenente Colonnello Giovanni OCCHIONI ha ceduto il comando al Tenente Colonnello Marco PICCOLI. A causa delle disposizioni anti-contagio, la tradizionale cerimonia del passaggio della Bandiera di Guerra si è svolta di fronte ad una ridotta Guardia d’Onore senza truppe schierate, alla presenza del comandante della 1 a Brigata Mobile Carabinieri, Generale di Brigata Pietro SALSANO.

La cerimonia

Nel corso della breve cerimonia, il Ten.Col. OCCHIONI, che assumerà l’incarico di Capo Ufficio nell’ambito della Legione CC “Veneto” con sede in Padova, ha rivolto espressioni di vivo apprezzamento nei confronti di tutto il personale, per la professionalità e l’impegno dimostrati nell’espletamento delle specifiche attività di servizio, anche con riferimento a quelle intraprese nell’ambito della difficile situazione di emergenza sanitaria.

Il nuovo comandante proviene da Cremona

Al termine della cerimonia, il Comandante della Brigata, Gen.B. SALSANO, ha espresso il suo ringraziamento al Ten.Col. OCCHIONI per l’attività svolta ed ha formulato i migliori auspici al Ten.Col. PICCOLI per l’assunzione del nuovo incarico. Il Tenente Colonnello Marco PICCOLI, classe 1965, proviene da Cremona dove ricopriva l’incarico di Comandante Provinciale.

3 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità