Cronaca
Piena del Muson

Alta padovana: la piena del Muson fa paura ma passa senza danni

Nottata di gran lavoro ed apprensione per la protezione civile che ha monitorato la situazione.

Alta padovana: la piena del Muson fa paura ma passa senza danni
Cronaca Padova, 09 Giugno 2020 ore 09:29

La piena del Muson, passata in piena notte, ha messo in apprensione Protezione Civile e Cittadinanza.

Nella notte la piena del Muson ha defluito senza danni

Il fiume Muson è stato il sorvegliato speciale nella notte tra lunedì 8 giugno e martedì 9. Ore di apprensione, nell'Alta Padovana, per il passaggio della piena. Verso l'1.30 l'onda piena ha raggiunto il culmine e lentamente il livello dell'acqua ha cominciato a scendere. A Loreggia, Camposampiero, Borgoricco e San Giorgio delle Pertiche i volontari, con i sindaci e gli amministratori comunali hanno continuato a presidiare il fiume per tutta la notte.

Nella tarda serata di lunedì, in via precauzionale, è stata chiusa la Strada del Santo e il Genio Civile ha lavorato diverse ore per ripulire il ponte Pennello a San Giorgio delle Pertiche.

102882438_10220391689335306_6061410655899025632_n
Foto 1 di 6
103135415_10220391688575287_6135572222478253864_n
Foto 2 di 6
103889156_10220391691615363_4798379623770906436_n
Foto 3 di 6
103076069_10220391691535361_6411632678630792241_n
Foto 4 di 6
103166105_10220391688975297_6442949602460176194_n
Foto 5 di 6
103084078_10220391692135376_830771141519673207_n
Foto 6 di 6

Il sindaco Canella: "Superati i livelli del 2012 ma la rete locale ha retto bene"

"Le immagini della piena di questa notte - ha sottolineato il sindaco di San Giorgio delle Pertiche, Daniele Canella - impongono di riflettere sulla reiterata fragilità del territorio in cui viviamo (in particolare sull’importante snodo di acque di Torre di Burri) e sull’impotenza dell’uomo di fronte alla forza prorompente dell’acqua".

"Ringrazio uno ad uno tutti gli uomini e le donne della Protezione Civile, della Polizia Locale, del Consorzio di Bonifica e del Genio Civile che questa notte si sono rimboccati le maniche e si sono messi subito all’opera, con professionalità e competenza, per evitare il peggio.

Sono stati raggiunti e superati i livelli che nel 2012 portarono all’esondazione a TorrediBurri.
Tuttavia la rete locale ha retto molto bene non aggravando nello scarico delle acque di fossati e canalette la situazione del Muson e contribuendo in maniera importante a contenere il pericolo.

La piena del Muson dei Sassi a SanGiorgiodellePertiche è passata attorno alle 2.30, permettendoci a ruota di riaprire al traffico la Statale del Santo e di far rientrare i volontari impegnati nell’emergenza".

 

 

 

di Daniele Fregno

Seguici sui nostri canali