Polizia di Stato

Affari "sporchi" all'autolavaggio: beccati con cocaina pura in sasso

Uno dei due (entrambi incensurati) è stato arrestato e condotto in carcere: il suo complice, riuscito a fuggire tra auto e camion in transito, è stato anche lui riconosciuto e denunciato.

Affari "sporchi" all'autolavaggio: beccati con cocaina pura in sasso
Cronaca Padova, 02 Luglio 2021 ore 11:38

Sorpresi in un autolavaggio con cocaina pura in sasso.

Affari "sporchi" all'autolavaggio

Nell’ambito dei servizi di contrasto al micro-spaccio, personale della Polizia di Stato della Questura di Padova (Squadra Mobile - Sezione Criminalità Diffusa) ha arrestato e condotto in carcere il 42enne marocchino SALLAK Bouabid, accusato di detenzione di circa 60 grammi di cocaina pura in sasso.

Benché incensurato (come pure il suo complice, che è riuscito per il momento a far perdere le proprie tracce), SALLAK non è passato inosservato agli agenti della Squadra Mobile che quotidianamente battono intere zone del capoluogo e dei territori limitrofi, pronti a sorprendere i soggetti dediti ai cosiddetti crimini di strada, in primis allo spaccio di sostanze stupefacenti.

I due sono stati notati nel corso del pomeriggio a bordo di un’Opel Astra e seguiti sino a che si sono portati all’interno di un’area di servizio di Vigonza, dove parcheggiavano il mezzo all’interno di una postazione di lavaggio. Venivano poco dopo osservati scendere dall’auto e confabulare fra loro (senza che acquistassero gettoni né che procedessero al lavaggio dell’auto – il che ha ulteriormente insospettito i poliziotti); piuttosto badando bene alla presenza di occhi indiscreti nel parcheggio adiacente l’autolavaggio.

Il tentativo di fuga

Nel momento in cui gli agenti decidevano di procedere al controllo, uno dei due (passeggero) si avvedeva dell’auto civetta e si dava a precipitosa fuga, riuscendo (dopo aver attraversato via Venezia – ovvero schivando auto e camion in transito – e saltato un fossato e diverse recinzioni e siepi di abitazioni) a far perdere le proprie tracce nei campi circostanti.

L’autista dell’auto (identificato in SALLAK Bouabid), che pure tentava di darsi alla fuga, veniva invece bloccato e sottoposto a perquisizione personale e veicolare, all’esito della quale i poliziotti rinvenivano – vicino alla leva del cambio dell’auto – un involucro di cellophane contenente cocaina pura in “sasso” (del peso di circa 60 gr.).

Identificato e denunciato il complice

Gli accertamenti operati nell’immediatezza hanno portato gli agenti ad individuare e riconoscere in foto l’individuo datosi alla fuga (anche lui marocchino, irregolare sul territorio nazionale ed immune da precedenti penali). Costui è stato deferito in stato di libertà per concorso in detenzione di sostanza stupefacente, mentre il SALLAK, tratto in arresto, è stato poco dopo associato presso la Casa Circondariale di Padova, ove rimarrà a disposizione della Procura della Repubblica.