Attualità
Sport e inclusione

Paola Egonu "schiaccia" razzismo e omofobia: "Portabandiera azzurra alle Olimpiadi? Un bel segnale"

La pallavolista di Cittadella, nata da genitori africani e omosessuale dichiarata, potrebbe essere portabandiera azzurra a Tokyo: "Un onore".

Paola Egonu "schiaccia" razzismo e omofobia: "Portabandiera azzurra alle Olimpiadi? Un bel segnale"
Attualità Cittadella, 17 Maggio 2021 ore 10:12

Un simbolo della diversità, la padovana Paola Egonu, 22 anni, potrebbe essere la portabandiera azzurra alle prossime Olimpiadi di Tokyo.

Paola Egonu "schiaccia" razzismo e omofobia

Se la notizia dovesse essere confermata, potrebbe essere davvero un bel segnale di inclusione e riscatto della diversità. La padovana Paola Egonu, 22 anni, pallavolista di punta della Nazionale italiana e indiscussa protagonista dei numerosi successi dell'Imoco Volley Conegliano, potrebbe essere la portabandiera azzurra alle Olimpiadi di Tokyo.

Egonu, nata a Cittadella da genitori nigeriani, nel 2018 ha fatto anche coming out sulla sua omosessualità in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera. Le sue origini e il suo orientamento sessuale ne hanno fatto spesso un bersaglio dell'intolleranza retrogada. E in un memento in cui il dibattito pubblico nazionale è monopolizzato dalla diatriba tra favorevoli e contrari al famoso Ddl Zan (anche lui padovano), dal mondo dello sport potrebbe arrivare un importante segnale di apertura e integrazione.

Lei: "Sarebbe un onore"

La stessa pallavolista, che ha mosso i suoi primi passi sportivi proprio a Cittadella, ha dichiarato di recente di intravvedere dei "piccoli spiragli" nella direzione dell'accettazione della diversità.

Omosessualità e razzismo: due tematiche che la schiacciatrice, ormai trevigiana d'adozione, ha conosciuto per esperienza diretta. E sull'ipotesi di vederla sfilare a Tokyo come portabandiera azzurra, lei conferma:

"Sarebbe un segnale importante perché sono l'emblema della diversità a partire dal colore della mia pelle - ha dichiarato - Sono certa che ci sono tante ragazze che si trovano nella mia situazione e che, per paura dei pregiudizi, non hanno la forza di esporsi. Potrei lanciare dei messaggi positivi in questo senso. Per me sarebbe un onore".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter