In sicurezza

Riapertura scuole: i presidenti dei Consigli di Istituto del Veneto danno vita a un Coordinamento regionale

Chiedono che alla scuola siano destinate tutte le risorse necessarie per una ripresa vera.

Riapertura scuole: i presidenti dei Consigli di Istituto del Veneto danno vita a un Coordinamento regionale
14 Agosto 2020 ore 17:37

Ricordate i presidenti di Consigli di Istituto di scuole statali di tutta Italia che hanno firmato e inviato una lettera al capo dello Stato Sergio Mattarella, per chiedere che lo stesso si faccia garante della riapertura delle scuole?

Bene, sono arrivati oltre quota sessanta i presidenti dei Consigli d’Istituto veneti che hanno sottoscritto all’inizio di agosto tre lettere (firmate ad oggi da 750 Presidenti di tutta Italia) indirizzate rispettivamente al Presidente della Repubblica Mattarella, al presidente del Consiglio Conte e alla ministra della Pubblica Istruzione Azzolina per esprimere le loro forti preoccupazioni per il nuovo anno scolastico, affinché alla scuola siano destinate tutte le risorse necessarie per una ripresa vera, piena ed in sicurezza.

LEGGI ANCHE: Rappresentanti dei genitori scrivono a Mattarella: “Si faccia garante sulla riapertura delle scuole”

I presidenti del Veneto: “Riapertura scuole in sicurezza”

Proprio perché per il ruolo ricoperto rappresentano tutte le componenti scolastiche (e non solo i genitori di cui raccolgono le preoccupazioni), perché conoscono profondamente le loro scuole e collaborano attivamente con i loro Dirigenti scolastici, i presidenti dei Consigli d’Istituto sanno che non è delegando scaricando sull’autonomia scolastica i problemi, che questi possano essere risolti, se non vengono concessi gli organici docenti e ata necessari (ad oggi solo 50.000 in più, del tutto insufficienti), se non viene risolto il grave problema dei trasporti, se non viene assicurata agli alunni una distanza di sicurezza minima (il metro “buccale”, addirittura inferiore al 1,8 mq. stabiliti per legge) che rende particolarmente pericolosi gli inevitabili spostamenti, se si trovano soluzioni
didattiche (?) che di didattico hanno ben poco (dad, accorpamenti, pluriclassi, etc.), se non viene assicurato un pieno sostegno ai ragazzi più fragili…

Nasce il Coordinamento regionale dei Consigli d’Istituto

Il COVID-19 ha drammaticamente messo in evidenza le gravi problematiche già esistenti nella scuola italiana, dalla mancanza di una seria programmazione edilizia alle classi “pollaio”, solo per citare i casi più eclatanti, frutto di decenni di tagli e di uso della scuola come “bancomat” per far cassa, da parte di governi di ogni colore politico.

Per chiedere che finalmente si cambi davvero e che alle belle affermazioni continuamente ripetute (per tutte: “la scuola è il futuro del nostro Paese”) seguano fatti concreti e coerenti, i Presidenti dei Consigli di Istituto del Veneto firmatari delle sopracitate lettere hanno deciso di costituirsi in Coordinamento regionale, invitando i loro colleghi a farne parte, tramite una lettera inviata a tutte le segreterie
scolastiche.

Analoga iniziativa è in corso in tutte le altre Regioni italiane, al fine di poter costituire entro l’inizio del nuovo anno scolastico un coordinamento nazionale; affinché la voce dei genitori possa finalmente essere ascoltata, per ottenere quanto realmente necessario e per “vigilare” sull’andamento delle soluzioni fin qui prospettate

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità